I concerti di Campovolo

22 SETTEMBRE 2012 – ITALIA LOVES EMILIA

22 Settembre 2012. Una serata incredibile per i 150.000 amanti della musica italiana che hanno occupato l’area concerto di Campovolo. Musica e solidarietà, infatti, si sono fuse per una notte, andando da un lato a raccogliere risorse economiche da destinare alle popolazioni terremotate dell’Emilia Romagna (quasi 4 milioni di euro dai biglietti venduti) e dall’altro ad infiammare il cuore musicale di migliaia di fan. A Campovolo sono saliti sul palco grandissimi nomi del panorama musicale italiano che hanno fatto la storia passata e recente della  nostra musica. Oltre a Ligabue, organizzatore della manifestazione e che ormai ha fatto di Campovolo una delle sue mete ‘privilegiate’, si sono susseguiti: Biagio Antonacci, Claudio Baglioni, Elisa, Tiziano Ferro, Giorgia, Jovanotti, Litfiba, Fiorella Mannoia, Negramaro, Nomadi, Renato Zero e Zucchero. Non sono mancati anche alcuni duetti da brivido. Fra gli spettatori c’erano soprattutto ragazzi, molti giovanissimi, ma anche famiglie con bambini…insomma un pubblico di tutte le età. L’evento, il cui nome ufficiale era: “Italia loves Emilia” ha rispettato in pieno le attese, visto il sold-out già ufficializzato dal mese precedente alla data del 22 settembre. Ed ha bissato il grande successo della serata ‘Emilia Live’ del 25 giugno 2012 allo stadio Dall’Ara di Bologna dove, con la stessa formula di musica+solidarietà, erano stati raccolti 2,8 milioni di euro da destinare ai terremotati dell’Emilia. Un appuntamento, quello del 22 settembre, destinato a restare nella storia dei concerti italiani.

16 LUGLIO 2011 – CAMPOVOLO 2.0

E fu così che, con ‘Questa è la mia vita’ si aprì nella sera del 16 Luglio 2011 il ‘Campovolo 2.0’. A 6 anni circa di distanza dalla ‘prima volta’ Ligabue decise di bissare il concerto del 2005 con un’altra esibizione live nell’aeroporto di Reggio Emilia e anche in questa occasione il pubblico fu all’altezza della situazione. Quasi 120.000 persone (con 110.000 i biglietti venduti – Un numero limitato rispetto al 2005 per evitare problemi legati ad afflusso e deflusso del pubblico), a cui ardore e passione non sono sicuramente mancati. Il palco, lungo 90 metri per una superficie di 1.100 metri quadrati calpestabili, era dotato di 620 m² di schermi, 19 torri altoparlanti per un totale di 200mila watt e di 9 colonne tri-fac¬ciali rotanti alte 10 metri. Una giornata di grande musica e festa che Ligabue ha dedicato a tutti i suoi fan, iniziata già nella giornata precedente, con l’apertura alle 14 del LigaVillage: un’area appositamente allestita dove sono state previste diverse attività (ristorazione, sport, giochi e intrattenimento, mostre fotografiche, proiezioni cinematografiche, stand dedicati alla solidarietà e all’ecologia, e tanto altro), riempita da migliaia di fan dotati di tende, sacchi a pelo, borse frigo, costumi, infradito e tantissimo entusiasmo. Ligabue ha regalato loro un concerto di 3 ore (aperto nel pomeriggio dall’esibizione di 5 band emergenti che si sono aggiudicate il titolo di opening act grazie al contest ‘Quando canterai la tua canzone…sul palco di Campovolo!’) con 31 brani in scaletta divisi in 7 set, tra cui due pezzi inediti: ‘M’abituerò’, scartato da ‘Sopravvissuti e Sopravviventi’ e ‘Sotto Bombardamento’, che era stato considerato per ‘Buon compleanno Elvis’. Uno show perfetto, senza sbavature (come quelle legate all’acustica nel 2005), un pubblico assolutamente ordinato, paziente e di tutte le età: c’erano adolescenti, trentenni, fino ai cinquantenni e tante famiglie con i propri figli.

Ecco la scaletta dei brani cantati dal Liga nella magica serata del 16 Luglio 2011: Questa è la mia vita, Un colpo all’anima, I ragazzi sono in giro, Ci sei sempre stata, Atto di fede, Le donne lo sanno, Ho ancora la forza, Anime in plexiglass, Figlio d’un cane, M’abituerò (brano inedito), Marlon Brando è sempre lui, I duri hanno due cuori, Non è tempo per noi, Balliamo sul mondo, Il giorno di dolore che uno ha, In pieno rock’n’roll, Vivo morto o X, Viva, Sotto bombardamento (inedito), Quella che non sei, Certe notti, Tra palco e realtà, Buonanotte all’Italia, Quando canterai la tua canzone, A che ora è la fine del mondo, Piccola stella senza cielo, Sulla mia strada, Urlando contro il cielo. Bis: Il peso della valigia, Il meglio deve ancora venire, Taca banda.

E l’eco del ‘Campovolo 2.0’ si propagò anche nei mesi successivi. Il 22 novembre 2011, infatti, uscì ‘Campovolo 2.011’, un triplo CD o quadruplo vinile sul concertone, contenente 3 inediti incisi in studio (‘M’abituerò’, ‘Sotto Bombardamento’ e ‘Ora e Allora’). Il 7 dicembre 2011 uscì, invece, ‘Ligabue Campovolo – Il FILM 3D’, che fu proiettato in oltre 350 sale in tutte le città d’Italia, con una parte dedicata al concerto live e una parte, il docufilm, in cui Ligabue racconta la sua storia ormai ventennale.

10 SETTEMBRE 2005 – UNO STORICO LIGABUE

 
Forse, neppure lo stesso Ligabue aveva previsto una cosa del genere quando, dopo 15 anni di attività, decise di celebrare questa ricorrenza con un concerto evento dedicato a tutti i suoi fan nell’area dell’Aeroporto di Reggio Emilia. Con 200.000 persone (oltre 160.000 biglietti venduti), il maggior numero di presenze di tutti i tempi in un concerto europeo a pagamento tenuto da un singolo artista, da quel giorno Campovolo entrò nella storia della musica (Il precedente primato spettava agli U2 che proprio nello stesso spazio, il Campovolo, il 20 settembre 1997 avevano fatto registrare più di 146.000 biglietti venduti).  Le prevendite erano iniziate il 4 Maggio dello stesso anno ed andarono subito oltre ogni aspettativa. Il 20 giugno aprì i battenti il sito Ligachannel, che si propose di tenere informati i fan di Ligabue sull’andamento dei lavori per il concerto, con interviste ai protagonisti e numerose news in anteprima. Il 10 settembre arrivarono a Reggio Emilia migliaia di fan. I cancelli aprirono alle 9 e il pubblico continuò ad affluire senza sosta fino a pochi istanti prima dell’inizio del concerto. Intorno alle 15 cominciarono a suonare gli artisti che precedettero l’esibizione di Ligabue che, salito sul palco intorno 21:15, si esibì in quattro ‘esperienze’ sonore diverse:

  • Sul palco principale con “La Banda”
  • Sul palco “solo”, da solo, accompagnato dalla chitarra
  • Sul palco acustico con Mauro Pagani, senza l’ausilio di strumenti elettrici e ritmici
  • Sul palco vintage con la sua vecchia band, i ClanDestino, proponendo i suoi pezzi più vecchi, e  l’ospite Daniele Moretto alla tromba.

Quattro palchi che gli permisero di ‘abbracciare’ tutto il suo pubblico e ripercorrere tutta la sua carriera, in una serata storica per la musica italiana ed europea. Un concerto memorabile con effetti scenografici strepitosi. Si partì con ‘Il Giorno Dei Giorni’ e ‘I Ragazzi Sono In Giro’ e si chiuse con ‘Urlando Contro Il Cielo’ e la sognante ‘Leggero’. Un unico neo: un impianto audio non all’altezza dell’evento, con il suono che per oltre un’ora fu chiaramente percepibile soltanto per chi si trovava vicino al palco. Nello stesso anno, il 25 novembre, uscì il DVD sull’evento di Campovolo che battè molti record di vendite risultando uno dei DVD più venduti  del 2005 e anche nel 2006.

Campovolo è stato, ed è tutt’ora il concerto europeo con più numero di presenze paganti all’attivo con oltre 180.000 mila persone,a livello mondiale solo John Lennon ha fatto di meglio.I biglietti venduti sono stati :165.264 (Dato Siae).Il concerto evento fu immortalato nel dvd “Campovolo” ed anche esso è stato un grande successo,uno dei dvd più venduti dell’anno(2005).La produzione era composta da 4 palchi che attraversa la vita artistica del liga ovvero:

Palco Main : con “La Banda”:Federico Poggipollini, Antonio Righetti, Mel Previte e Roberto Pellati & Niccolò Bossini.

Palco Solo : Ligabue accompagnato solo dalla chitarra

Palco Acustico: Solo con Mauro Pagani

Palco Vintage : con la prima storica band “ClanDestino” formata da Max Cottafavi, Gigi Cavalli Cocchi, Luciano Ghezzi, Giovanni Marani e Niccolò Bossini.

Prima del concerto si esibiscono “Piccoli omicidi, Il Nucleo, Rio, Folkabbestia, L’AuraEdoardo Bennato ed Elisa ” . L’evento fu anche caratterizzato da notevoli problemi audio(sopratutto vicino al palco “vintage“), migliaia di fans lasciarano il Campovolo dopo poco l’inizio del concerto a causa della scarsa qualità dell’audio.Luciano Ligabue se ne scusò il giorno dopo,ed tuttora in causa contro una ditta inglese,colpevole di aver subappaltato i lavori ad una ditta francese non propriamente esperta,tale ditta poco prima che iniziasse il concerte spense alcune casse audio per evitare problemi di risonanza ed eco.

 20 SETTEMBRE 1997 – LA NOTTE MAGICA DEGLI U2

Il 20 settembre del 1997 a Campovolo, gli U2 stabilirono il record assoluto per l’epoca di spettatori paganti per una band: 146.000. L’esperienza degli irlandesi fu, negli anni successivi, preziosa per Ligabue, che negli ampi spazi della struttura aeroportuale individuò il luogo perfetto dove chiamare a raccolta il suo popolo e festeggiare i primi 15 anni di carriera il 10 settembre del 2005. Accorsero in quasi 200mila e il concerto stabilì il record europeo per biglietti venduti da un singolo artista: 165.264. Il concerto degli U2 fu memorabile. I cancelli, vista la grande affluenza di pubblico, aprirono poco dopo mezzogiorno, contrariamente a quanto era stampato sul biglietto, che indicava un’ora più tarda. Il concerto iniziò alle 21 e Bono e soci restarono su un palco (di 50 metri x 17) per poco più di due ore, accerchiati da una scenografia mozzafiato. Già nel pomeriggio però la band aveva sorvolato l’area di Campovolo a bordo di un Boeing 727, riconoscibilissimo perchè marchiato con il limone che simboleggiava il loro ‘Pop Mart Tour’, e si erano sicuramente già resi conto che quelle 100 mila persone che già li attendevano avrebbero reso unica quella serata. Gli U2 trionfarono con il loro apocalittico spettacolo, impressionante per il mix di immagini e di suoni e alla fine del concerto dichiararono: ‘E’ la serata più felice della nostra vita’. Come dargli torto…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 3.7/5 (6 votes cast)
I concerti di Campovolo
, 3.7 out of 5 based on 6 ratings
Share via emailCondividi+1Pin it on PinterestShare on Twitter